TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



LUNEDÌ 18 OTTOBRE 2021 - STAMPA

DIARIO SPORT – OSIMHEN, UN ‘CABEZAZO’ CHE REGALA I  TRE PUNTI AL NAPOLI


Grazie al nigeriano gli azzurri portano a casa una vittoria in una gara non facile


 
     
0


A cura di: Maria Villani
Fonte: Sport.es

Il Napoli continua a vincere: 8 partite, 8 vittorie: 19 gol fatti, tre subiti. La capolista della Serie A ha scavalcato il Milan vincendo di misura contro il Torino in una gara che ha messo alla prova la sua forza mentale. Nonostante abbia dominato, andava tutto storto: un penalty fallito, un gol annullato, un palo... Però ma all’ultimo respiro ecco apparire Victor Osimhen che ha segnato il gol del successo con uno splendido colpo di testa. Quinta marcatura in 7 partite per il nigeriano, serio candidato al 'MVP' finora in questa stagione in Italia.

Con una divisa particolare, la squadra di Spalletti ha comandato il primo tempo, avvicinandosi di più al gol. Le occasioni di maggior pericolo sono arrivate in azioni individuali di Osimhen o su palle inattive. Il nigeriano è tornato a dimostrare che figura tra gli attaccanti più in forma in Europa. Come pure nella lista dei più  autosufficienti. Intorno al quarto d’ora ha ricevuto una palla lunga, di fronte a due avversari e a 30 metri dall’area, è riuscito a sferrare un tiro che ha sfiorato il palo. Più tardi un suo colpo di testa è finito alto.

L’occasione più chiara in una azione strategica. Insigne ha sorpreso nel battere dal basso un fallo laterale verso Di Lorenzo, che è stato atterrato in area dall’entrata irruente di Koné. Il capitano azzurro si è assunto la responsabilità del penalty ma Milinkovic-Savic è riuscito ad intuire la traiettoria di un tiro piuttosto timido. Il portiere serbo è tornato a splendere alcuni minuti dopo su un tiro a bruciapelo di Koulibaly.

All’occasione mancata il Napoli ha risposto   con una determinazione che, con il passare dei minuti, si è trasformata in ansia. Stato che ha contagiato anche il Torino, che aveva dovuto rinunciare al suo capitano Mandragora dopo solo otto minuti di gioco. La parte finale del primo tempo è stata giocata come se non eistesse il secondo. Il gioco era spezzettato, gli errori si succedevano. Se il Napoli attaccava precipitosamente, trascurando la retroguardia, il Toro sprecava clamorose opportunità in contropiede.

Il passaggio negli spogliatoi è servito a calmare gli animi, riportando il dominio azzurro. Una superiorità che è stata marcata dal gol di Di Lorenzo. Il terzino ha insaccato di testa un fallo laterale servito da Mario Rui, ma il gol è stato annullato per fuorigioco dopo una lunga attesa. La fortuna ha dunque nuovamente voltato le spalle al Napoli, quando, dopo una manovra eccellente di Osimhen, Lozano, entrato da poco, ha tirato sul palo.

Rivitalizzato dai cambi, il Torino è riuscito a fare un passo avanti e ha avuto due chiare occasioni con Brekalo. La prima è stata salvata da Ospina, la seconda l’ha conclusa tirando alto. Gli uomini di Juric sembravano esser riusciti a portare a casa il punto. La partita viveva una fase lontana dalle due aree, ma un ultimo arrembaggio del Napoli ha trovato il premio all’insistenza grazie ad Osimhen. Un colpo di testa splendido del nigeriano è valso i tre punti agli azzurri che ora sono al comando della Serie A in solitaria.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’ARTICOLO INTEGRALE IN LINGUA ORIGINALE