TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



LUNEDÌ 11 MARZO 2019 - INTERVISTE

TMW - GRAVINA: "BISOGNA VALUTARE COME RENDERE LA SERIE A PIÙ COMPETITIVA"


Chiesa, Zaniolo ma anche Ciro Immobile: splendide realtà


 
     
0


A cura di: Maria Villani
Fonte: TMW

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, parla all'inaugurazione del torneo di Viareggio dopo aver ricevuto il premio "Torquato Bresciani":

"È un premio importante in un contesto stimolante. Un premio che ha un alto valore significativo, in un progetto che tende a valorizzare i giovani. Mi gratifica, mi dà maggiore stimolo, mi dà grandissime energie da investire in un settore che è uno degli asset più importanti per sviluppare il calcio italiano".

Quale consiglio si sente di dare a questi giovani che partecipano al torneo?
"Di coltivare il loro sogno con pragmatismo, con grande attenzione e senza farsi coinvolgere da tanti soggetti che invece dei sogni propongono delle false illusioni, quindi grande impegno, grandi sacrifici, grande lealtà, straordinario impegno soprattutto nello studio che è la base per affrontare nel miglior modo possibile questa che è una professione ma che di fatto è un bellissimo gioco".

Da questo torneo sono passati giocatori come Chiesa e Zaniolo. È da qui che riparte l'Italia?
"Sono due splendide realtà, io citerei anche Ciro Immobile che in questo torneo è stato uno dei capocannonieri. È un torneo che è una splendida vetrina, importante per la valorizzazione dei giovani. Non dimenticando quanto fatto di buono in queste occasioni, quindi raccogliendo i frutti ma dobbiamo anche avere la capacità con il lavoro di saperli trasformare in campioni".

A proposito di giovani abbiamo bisogno di esempi. Come siamo messi in Italia?
"Ultimamente si comincia a toccare con mano l'esigenza di non considerare più un costo secco ma un grande investimento quello dei giovani. Cito un esempio eclatante, quello della Juventus che ha fatto esordire venerdì un giocatore in Serie A e poi farlo giocare in Lega Pro il giorno dopo. C'è un processo di osmosi in queste categorie, un processo di valorizzazione dei giovani è un processo non più procrastinabile".

Si avvicinano gli impegni delle Nazionali. Quali sono le sensazioni?
"Le sensazioni devono essere necessariamente positive. Stiamo lavorando tantissimo in tutti i campi che comportano sacrifici per il rilancio della credibilità del calcio italiano. Un risultato positivo ci aiuta ancora di più, ci dà entusiasmo, ci dà stimolo per migliorare. Noi ci aspettiamo un risultato utile per portare avanti questi progetti, sapendo che la strada è sempre difficile, dietro l'angolo ci sono sempre tanti insidie ma la sensazione è positiva. Ci sono questi ragazzi che hanno voglia di lavare quella grande macchia che purtroppo ha colpito il calcio italiano che è la mancata qualificazione ai Mondiali in Russia".

Si aspettava un campionato più competitivo in Serie A?
"L'Italia rispecchia fedelmente quanto sta succedendo in altre realtà internazionali, basti vedere la Germania o la Francia. Il calcio europeo ormai è così proiettato. Bisogna capire quali possono essere le modalità per rendere ancora più competitivo il campionato, accorciando quelle distanze che purtroppo oggi si dimostrano sempre più forti, più evidenti. Dobbiamo lavorare su un profilo di idee e di progetti per accorciare questo impatto che non è un impatto che si risolve solo a livello Nazionale e forse bisogna cominciare a ragionare anche nell'ottica dello sviluppo di una importante politica internazionale".

Come commenta la sceneggiata di ieri di Gasperini?
"Io credo che il commento è racchiuso a mio avviso nella stessa dichiarazione di Gasperini che ha chiesto scusa per quello che ha fatto. C'è poco da aggiungere, è evidente che se lo stesso autore del gesto ha ammesso questo errore chiede scusa c'è poco da aggiungere. È un gesto da censurare ed è auspicabile che non sia né emulato, ma soprattutto ripetuto e che debba essere condannato in maniera evidente. Ma ho apprezzato molto il gesto di Gasperini che effettivamente ha riconosciuto a mente serena di aver sbagliato".

Ci sono novità sull'ingresso di Vialli nel Club Italia?
"Nessuna novità. Siamo rimasti alla sua disponibilità a valutare questo ruolo. Sono anche qui fiducioso, mi aspetto le sue riflessioni che sono di confronto sia sotto il profilo professionale ma soprattutto familiare".

Come vedrebbe un ritorno di Quagliarella in Nazionale?
"Io mi auguro che Mancini faccia le scelte più giuste e più corrette. Io mi aspetto solo che la Nazionale porti i risultati migliori possibili. Con quali giocatori spetta a Mancini e al suo staff".