TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



MARTEDÌ 28 LUGLIO 2020 - STAMPA

SERIE A ‘RITARDATA’, PROBLEMA DATE PER LA PROSSIMA STAGIONE: PLAYOFF E PLAYOUT NEL 2020-21?


Il presidente Gravina starebbe pensando a questo nuovo format


 
     
0


A cura di: Maria Villani
Fonte: Repubblica

Una vera e propria rivoluzione potrebbe scuotere la seria A 2020/2021. Il presidente federale, Gabriele Gravina, determinante per la ripartenza del massimo campionato italiano dopo i mesi di lockdown,  starebbe pensando a un nuovo format per la prossima stagione. Una serie A con playoff e playout. Gravina, che ne aveva già parlato con i vertici di via Rossellini già la scorsa settimana, non vuole uno scontro con la Lega pur avendo di fatto il potere di intervenire in deroga sui formati dei campionati grazie al Decreto Rilancio del Governo dopo il diffondersi del coronavirus. Il 4 agosto il consiglio di Lega discuterà anche di questa opzione.

Dare a Mancini la possibilità di preparare l’Europeo
Ma come si è arrivati a questa eventualità? Il discorso, nella sua complessità, in realtà è molto semplice. Con l’attuale serie A che termina il 2 agosto e, soprattutto, con l’Europeo nel 2021 sullo sfondo, la Federazione si è posta il serio problema delle date. “Sono molto preoccupato. Serve un calendario che consenta uno svolgimento regolare delle attività e a Mancini di preparare l’Europeo”, l’ammonimento di Gravina ai club. La Figc in questi giorni ha chiesto alle tre Leghe (A, B e Pro) di indicare in tempi brevissimi le possibili date sulle ripartenze dei singoli campionati. Al momento per il massimo campionato di parla di 12 settembre o la massimo il 19, ma negli ultimi giorni molti presidenti stanno manifestando il proprio disappunto chiedendo che si parta il 3 ottobre. A capeggiare questa corrente c’è il focoso presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis.


Campionato diviso in gironi
In ogni caso una partenza ritardata della nuova stagione, inevitabile vista l’emergenza per il Covid-19, potrebbe portare la Figc a rivedere il format, perché non ci sarebbe il tempo materiale per completare le 38 giornate. La necessità, fa sapere Gravina, è quella di “snellire il campionato”. Da qui la possibilità di una serie A divisa in 5 gironi da 4 squadre o in due gironi da 10 con le prime 12 classificate che si garantirebbero un posto nei playoff scudetto e le ultime 8 che andrebbero a giocarsi i playout per non retrocedere.