TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



MARTEDÌ 19 DICEMBRE 2017 - PROSSIMA PARTITA

OUNAS, UNA NOTTE DA VICE CALLEJON: SARÀ FINALMENTE BUONA LA PRIMA?


Il francese verso la prima grande occasione da titolare


 
     
0


A cura di: Myriam Novità
Fonte: Ilmattino.it

Ounas corre verso la sua prima grande occasione da titolare, la Coppa Italia come vetrina per l'attaccante franco-algerino. Finora per lui solo spezzoni di partite partendo dalla panchina: in totale 150 minuti, meno di due gare intere. Sei presenze in campionato (102 minuti) e tre in Champions League. Qualche lampo nell'ultimo quarto d'ora contro la Juve, qualche altro in precedenza e in maniera particolare nel derby contro il Benevento quando si procurò un calcio di rigore, quello del 6-0. Ma è chiaro che giocare dall'inizio è un'altra cosa, una sensazione decisamente diversa per il ragazzino arrivato dalla Francia e con alle spalle i due anni nel Bordeaux (60 presenze e dieci gol). Tanto lavoro a testa bassa in questi primi mesi di Napoli, fin dai primi giorni di ritiro in Trentino: per entrare negli automatismi del mondo di Sarri c'è bisogno di tempo, necessario metabolizzare tutte le situazioni e soprattutto giocare rapido a un tocco senza portare il pallone neanche un secondo di più.

Stavolta però è una viglia diversa, Ounas ci spera, ci crede molto di più in una maglia da titolare e in quello che è il suo ruolo più congeniale da esterno destro nel tridente di attacco e cioè nella posizione occupata in maniera stabile da Callejon. Difficile vivere da alternativa allo spagnolo, uno degli insostituibili nello scacchiere di Sarri per la sua capacità di dare equilibrio alla squadra e assicurare lo stesso apporto in fase offensiva e difensiva. Aspetto questo sul quale deve ancora crescere il 21enne franco-algerino, incisivo quando ha il pallone tra i piedi e può puntare l'avversario per accentrarsi e tirare o regalare un assist ma che deve perfezionarsi nel lavoro di rientro e nei movimenti in sintonia con gli altri compagni.

Sarri dopo il ko contro la Juventus precisò il suo pensiero sul giovane francese, impiegato nel finale. «A Napoli quando si prende un calciatore sembra sempre che si è preso Cristiano Ronaldo. Ounas è un ragazzo di 20 anni che ha potenziale: al momento è un anarchico che ha limiti a livello difensivo e dobbiamo lasciarlo libero di crescere». Ci sta lavorando il tecnico toscano in ogni allenamento per tirare fuori il suo potenziale ma è chiaro che poi i riscontri si hanno in partita: ecco perché questa sfida di Coppa Italia contro l'Udinese potrà essere per lui la vera prima verifica.