TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



MARTEDÌ 10 OTTOBRE 2017 - INTERVISTE

HAMSIK: “CON LA SLOVACCHIA 100 PRESENZE E 10 ANNI MERAVIGLIOSI!”


Il Capitano del Napoli e della Slovacchia ha fatto il punto sui suoi primi 10 anni con la Nazionale


 
     
0


A cura di: Maria Villani
Fonte: marek-hamsik.sk

Marek Hamsik torna a casa dopo questo ottobre 2017: la Nazionale Slovacca non riesce a centrare neanche la fase di qualificazione ai playoff per i Mondiali di Russia 2018. Al suo sito ufficiale il capitano azzurro e della Slovacchia fa il punto della sua esperienza nazionale che ormai conta 10 anni di militanza  e 100 presenze.

Ti ricordi la prima gara ufficiale?
"Naturalmente, è una cosa che non può essere dimenticata. Fu a Jerez in Spagna, nel febbraio del 2007 contro la Polonia ".

Qual è l’allenatore che ti ha dato la possibilità di esordire e quale giocatore hai sostituito?
“Janko Kocian mi ha dato una chance. Sono arrivato alla fine della partita e se mi ricordo bene, ho sostituito Igor Zofcak".

Ti ricordi le tue sensazioni di allora?
"Ero molto emozionato e orgoglioso di poter far parte della Slovacchia ad una età tanto giovane età".

Qualche mese dopo hai giocato un'intera partita in Nazionale. Ricordi dove e contro chi?
"Ad Amburgo contro la Germania, perdemmo 2-1”.

Chi era il tuo compagno di squadra in campo?
"Jano Ďurica".

Avevi meno di 20 anni alla tua prima esperienza in Nazionale ma da allora sei stato un perno stabile della squadra. Che ci puoi dire di questi 10 anni?
"Meravigliosi. Negli ultimi dieci anni abbiamo raggiunto il massimo possibile. Siamo andati ai Mondiali, poi agli Europei. Possiamo dire che siamo la generazione d'oro del calcio slovacco”.

Hai avuto cinque allenatori nella squadra nazionale. Quali ricordi e perché?
"Li ricordo e mi piacciono tutti, di più gli allenatori con i quali abbiamo ottenuto i maggiori successi. Vlada Weiss, con cui abbiamo giocato il Mondiale, e l'attuale Ján Kozák, con il quale siamo andati all’Europeo".

Mister Vladimir Weiss ti ha nominato capitano in occasione del Mondiale 2010…
"Non l’avevo capito. Fui molto contento quando Weiss mi disse che sarei diventato capitano della squadra. Per questo onore volevo offrirgli una buona prestazione".

È sempre stato detto che sei una buona parte della squadra nazionale. Se fossi il migliore?
"Non c'è mai stato alcun problema tra noi giocatori, abbiamo sempre creato un buon gioco. Penso probabilmente anche meglio negli ultimi anni. Remiamo tutti dalla stessa parte, siamo coesi, resilienti. Siamo solo una squadra perfetta".

Chi hai conosciuto meglio la squadra?
"I ragazzi con i quali sono nella squadra nazionale da più  a lungo, quindi Scratch, Vlado Weiss, Kuck e Rob Mak".

Cosa ricordi della tua carriera?
"Le partite che ci hanno portato a vivere gli eventi più belli, vale a dire le sfide con Polonia e poi Lussemburgo. E quelle gioie immediate, le emozioni”.

Quale match pensi sia il migliore tra quelli disputati da te? "Probabilmente quello dell’ Europeo contro la Russia, in cui ho segnato un gol e abbiamo vinto 2-1”.

E il peggiore?
"Non lo so. Cerco di dimenticare il più velocemente possibile”.

Il Mondiale, l’Europeo, quale evento hai apprezzato di più?
"Mi sono divertito allo stesso modo. Questi sono i due eventi più importanti per la  Nazionale. Sono molto contento di avervi  partecipato con la Nazionale slovacca e per entrambi serbo dei ricordi bellissimi, sia del Sud Africa che della Francia ".

 

Sono un uomo ricco, ho sempre giocato pieno