TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



LUNEDÌ 1 GENNAIO 2018 - NEWS

FIGC, ELEZIONI ALLE PORTE: IL VOLTO NUOVO È IL CAMPANO SIBILIA


Tommasi e Gravina gli altri candidati, ma è alto il rischio di ingovernabilità


 
     
0


A cura di: Maria Villani
Fonte: Il Mattino

A meno di trenta giorni dalle elezioni federali, programmate per il 29 gennaio all’hotel Hilton di Fiumicino, il quadro non è per nulla semplice. Nel senso che, come è normale che sia, nessuno ha ancora fatto un passo indietro tra i papabili alla successione di Carlo Tavecchio. Nessuno ha ancora formalizzato la propria candidatura, tranne Tommasi, rappresentante dei calciatori, che in FIGC è presente da oltre 6 anni, sia pure in un ruolo di opposizione a Sibilia. Chi aspira alla poltrona di numero uno della FIGC è  Gabriele Gravina, numero uno della Lega Pro, la cui gestione degli ultimi mesi è però al centro di una riflessione: pesa su tutti il caos del Modena, iscritto al campionato nonostante le difficoltà economiche che hanno portato alla sua esclusione dopo appena due mesi e mezzo. Poi c'è Sibilia che resta nell'ombra, forte di un lavoro solido nella Lega Dilettanti e del fatto che dei tre sembra davvero il volto nuovo, visto che occupa una poltrona in Federazione da soli 11 mesi. E' quello che ha senza dubbi più voti: il 34 della sua Lega, a cui può sommare una percentuale della serie A e della B sino al 40 per cento. Tommasi può contare sui voti dell’Assoallenatori di Ulivieri, con cui c’è stato un riavvicinamento. Ma siamo solo al 30 per cento. Gravina conta sull’appoggio della serie C, ma al pari di Sibilia confida di guadagnare consensi in A e B. I tre potenziali candidati si potrebbero incontrare questa settimana. Non è escluso che possa esserci un ruolo di Malagò. Resta alto il rischio di ingovernabilità.