TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



SABATO 15 LUGLIO 2017 - INTERVISTE

DE NICOLA: "SI LAVORA CON GRANDE ARMONIA NEL GRUPPO"


"C’è l’intenzione di regalare qualcosa di grande a tutti"


 
     
0


A cura di: Redazione
Fonte: Napolicalcionews.it

Il responsabile dello staff sanitario del Napoli, Alfonso De Nicola, ha rilasciato alcune dichiarazioni a Radio Kiss Kiss Napoli: “Si lavora con grande armonia nel gruppo e soprattutto grande determinazione, ogni anno è così ma quest’anno un po’ di più. C’è l’intenzione di regalare qualcosa di grande a tutti.

La squadra sta bene, l’aspetto psicologico è fondamentale perché le motivazioni fanno superare dei fastidi che ci riportano ma che affrontano. A due o tre calciatori ho consigliato di non allenarsi ma mi è stata data risposta negativa, raramente mi è successo di lavorare con un gruppo tanto motivato. I ragazzi hanno avuto un periodo di stop breve, la seconda e la terza settimana saranno fondamentali per la preparazione dei preliminari. Ci aspettiamo una prossima settimana molto intensa per mettere dentro tanto carburante.

Come stanno Mario Rui e Ounas? Stanno bene, il portoghese è un po’ in ritardo rispetto agli altri perché è arrivato dopo. Dovremo fare attenzione a non caricare troppo per accorciare i tempi. Non bisogna avere fretta, le cose vanno fatte gradualmente.

Un’unione anche fuori dal campo non l’avevo mai vista, magari anche nei confronti della stampa. Se siamo tutti uniti, siamo invincibili. Noi ogni anno ci proviamo e di volta in volta vediamo cosa migliorare.

Questa società è cresciuta in 13 anni ed il suo interesse è sempre fare il meglio, ma è difficilissimo perché le concorrenti sono di alto livello.

Il Mondiale? Non è un problema nostro, anche i calciatori danno priorità all’obiettivo più vicino vale a dire i preliminari di Champions e poi penseranno a tutte le partite di campionato.La mattina si inizia alle 8 e un quarto, la colazione è quella tradizionale dove noi abbiamo inserito le noci, frutta secca. Con l’alimentazione vogliamo ridurre, per così dire, l’impiego di integratori.

Il pranzo poi viene deciso quasi singolarmente a piccoli gruppi a seconda delle esigenze di ognuno dei calciatori. Salirà uno staff medico per dei controlli ematici per stabilire alimentazione e quali sono le sostanze di cui hanno bisogno gli atleti. La merenda è leggera e si fa dopo il riposino pomeridiano.

Siamo contenti perché Milik aveva una grande difficoltà: viene da un Paese dove questi infortuni vengono visti ancora come molto gravi. Noi abbiamo zero recidive su questi infortuni e lui aveva questo timore. Siamo una delle poche squadre a non avere mai recidive. Arek ha superato completamente questo problema, non ha mai chiesto cosa dovesse fare con il ginocchio. Lui è molto determinato e vive per il calcio e per allenarsi. È un ragazzo straordinario, non si è fermato un giorno, vive totalmente per il calcio”.