TORNA IN HOMESOCIETA'SQUADRASTAGIONECalciomercatoSTATISTICHECONTATTI



DOMENICA 4 FEBBRAIO 2018 - STAMPA

CDS - MERTENS-HAMSIK: IL NAPOLI SI RIPRENDE IL PRIMO POSTO


La squadra di Sarri si riprende la vetta


 
     
0


A cura di: Myriam Novità
Fonte: CorrieredelloSport.it

Il Napoli non si fa condizionare dal settebello juventino al Sassuolo, e si riprende la vetta nel primo derby della storia in Serie A giocato al Vigorito con il Benevento. Al San Paolo all'andata è finita 6-0, questa volta 0-2. Il Napoli ha faticato un po' di più, ma ha dimostrato di essere una squadra solida e matura. Mertens, che all'andata aveva firmato una tripletta, stavolta deve "accontentarsi" di un solo gol, poi al 75' è costretto ad uscire dopo un duro intervento di Djimsiti. I tre punti e il controsorpasso sulla Juve sono oro puro per Sarri, che è atteso da un febbraio di fuoco e giovedì incontrerà De Laurentiis per parlare del

rinnovo di contratto. Il Benevento perde, ma dimostra di essere un'altra squadra rispetto a quella del girone d'andata. I numerosi acquisti sul mercato l'hanno sicuramente rinforzata e anche se la salvezza resta un'impresa disperata sono arrivati segnali incoraggianti, soprattutto nel primo tempo, dallo scontro proibitivo sulla carta contro la prima della classe.

BENEVENTO, CHE PARTENZA - Nessuna novità per il Napoli. Sarri ritrova Albiol e si affida alla formazione tipo. Jorginho vince il ballottaggio con Diawara per la cabina di regia. Il nuovo acquisto Machach è in panchina. De Zerbi può contare sui tanti rinforzi arrivati dal mercato di gennaio e schiera un 4-1-4-1 molto offensivo.

Galvanizzato da un Vigorito quasi esaurito e dalla presenza di Bacary Sagna con la moglie Ludivine in tribuna, il Benevento parte con un ritmo molto alto senza timori e fa venire qualche brivido al Napoli. Al 5' Brignola di controbalzo non inquadra la porta.

TRAVERSA INSIGNE, POI MERTENS - La squadra di Sarri sembra un po' sorpresa dalla partenza dei giallorossi, ma dopo qualche minuto affonda la prima stoccata con Insigne che al 14' colpisce la traversa interna con un delizioso pallonetto dal limite. Dopo un minuto la palla buona capita sui piedi di Hamsik, che spara alto. Il Napoli comunque è entrato in partita e quando attacca mette paura come sempre. Al 20' arriva

il gol dell'1-0. Lo firma il solito Mertens con un tiro cross che beffa Puggioni. Il belga a febbraio è tornato a segnare con regolarità dopo un lungo digiuno, e con questa rete sale a quota 14 gol in campionato. Il Benevento accusa il colpo e il Napoli è in pieno dominio del match, ma non riesce a segnare il gol del 2-0.

HAMSIK RADDOPPIA - Il raddoppio arriva subito nel secondo tempo: il Napoli punisce il Benevento al primo errore in fase di costruzione, con Hamsik che al 47' deposita in rete su assist perfetto di Callejon e sale a quota 118 con la maglia azzurra. Al 56' L'arbitro Di Bello dà un rigore al Benevento per fallo di Koulibaly. Poi però, con Guilherme già sul dischetto, lo annulla con il Var per un fuorigioco di Sandro. Mertens va vicino al raddoppio al 65', ma dieci minuti dopo è costretto a uscire dolorante per un brutto fallo di Djimsiti, che viene ammonito. Per l'attaccante belga si tratta di una distorsione alla caviglia, che non sembra grave. Il Benevento ci prova all'86' con un tiro di Letizia, respinto con i pugni da Reina. In pieno recupero prima Callejon e poi Rog vanno vicini al gol del 3-0. Il Napoli porta a casa i tre punti, sale a quota 60 in 23 partite di campionato e tiene la porta inviolata conservando così la miglior difesa del campionato con solo 14 gol subiti (-1 rispetto alla Juve). Con questi numeri impressionanti può partire la festa degli azzurri sotto il settore ospiti al Vigorito, strapieno per l'occasione. Il sogno continua.